La Repubblica 27/01/2021

In questo difficile momento nel quale il tempo sembra sospeso a causa della chiusura dei musei, dei cinema e dei teatri, vengono a mancare tutti quei momenti di incontro, di stimolo e di riflessione che ci arricchiscono e fanno evolvere.
Dopo mesi questa mancanza è divenuta sempre più imponente ed è da qui che nasce la necessità di ritrovare le dimensioni perdute.
Così ci rivolgiamo alla rete per poter frequentare i nostri luoghi dell’arte, del teatro e della musica. Musei, gallerie e teatri stanno lavorando per trovare il modo di tenerci vicini alla cultura, per tenere vivi quegli stimoli vitali!
Ma è sufficiente?

La pandemia ci ha fatto comprendere il senso dell’assenza, un’assenza che cerchiamo di riempire e non è azzardato un paragone con i ponteggi per il restauro di un edificio: il palazzo infatti diventa improvvisamente assente. Al suo posto una superficie, un telo, che montato per la sicurezza, sottrae alla strada la sua presenza consueta e a Roma, spesso, quella presenza negata è un monumento.

Nasce per questo il progetto #EX_TRA con lo scopo di portare all’aperto, nella città, nelle strade, montata sui ponteggi per il tempo del restauro, un’opera d’arte che ci spinga a fermarci, ad alzare lo sguardo, a lasciarci distrarre per un momento e ammirare il lavoro di un’artista.
Le opere che non si trovano all’interno di una galleria o di un museo, creano una frattura, uno spaesamento che induce alla curiosità, al ridisegno dei percorsi: la città diviene galleria e, come negli esperimenti degli anni passati (“il museo fuori del museo”), #EX_TRA propone la galleria fuori dalla galleria.
Non sarà una fruizione passiva, ognuno reagirà all’immagine che si troverà davanti con le proprie esperienze e il proprio vissuto.

#EX_TRA sarà un dono per Roma.

Il progetto #EX_TRA dedica così questi spazi, più diffusamente presi dalla pubblicità, alla divulgazione creativa, muovendosi dall’arte al design, alla letteratura, con l’intento di creare uno stimolo.

#EX_TRA è la contrazione del termine latino Exempla Trahunt, gli esempi trascinano, e la speranza è quella che il progetto possa essere spunto per un nuovo modo di sostenere l’attività culturale e la comunicazione in generale, attraverso un percorso narrativo alla scoperta di nuovi linguaggi.

Progettato e ideato da Gruppo PouchainSilvia Salama Pouchain presidente, Chiara Nicolini curatrice, Claudio Presta direttore del progetto.

Ultime uscite

Contatti:
ex_tra@gruppo-pouchain.com

Altre opere